Fragilità capillare: come combattere un problema molto diffuso tra le donne

I capillari sono una componente del nostro corpo di per sé molto fragile. Da essi derivano problemi anche piuttosto importanti che riguardano in particolar modo l’universo femminile soprattutto in età matura.

Tuttavia ad ogni età bisogna sempre stare molto attenti: possono esserci fenomeni di ereditarietà che fanno tendere ad una più possibile comparsa di fragilità capillare o anche comportamenti e abitudini sbagliate nella vita di tutti i giorni. Vediamo quindi come riconoscere e affrontare questo problema.

Da cosa dipende il problema dei capillari fragili

Purtroppo sono abbastanza diffuse le cause dei capillari rotti perché, come abbiamo già accennato, riguardano diversi problemi che ognuno di noi può avere. Innanzitutto è fondamentale capire che, sia l’alcool sia il fumo, sono i nemici più obsoleti per questo tipo di disturbo, soprattutto quando eccessivamente consumati.

State inoltre attente se avete problemi di carenze vitaminiche, in particolare di vitamina C: potrebbe essere una causa di fragilità capillare. Il problema dipende inoltre da delicati momenti della vostra vita, come la gravidanza o forti periodi di stress. Ci sono anche cause patologiche, ma sono meno diffuse, oltre ad esservi anche predisposizioni ereditarie.

Sintomi di fragilità capillare

Prevenire la rottura dei capillari è difficile se non hai già la certezza della predisposizione a questo problema. Per questo motivo molto più facilmente capirai di esserne soggetta non appena avvertirai i primi sintomi, che non danno fastidi evidenti, ma si vedono notevolmente a livello estetico.

Le zone più attaccate sono quelle di gambe e viso in cui puoi notare capillari molto rossi in superficie. Nei casi più gravi compaiono veri e propri ematomi e anche quel classico disturbo chiamato “porpora” che sembra macchiare intensamente la zona colpita dal problema.

Come combattere la fragilità capillare

I rimedi per i capillari fragili, sono molti e sono praticamente tutti naturali: partono infatti da accorgimenti riguardanti la tua dieta quotidiana che poi possono essere integrati da creme e fanghi realizzati ovviamente in modo naturale.

Prima infatti di passare ai farmaci che trovi in farmacia, puoi integrare le dosi di vitamina C e K con tutti quei prodotti naturali che ne contengono ingredienti come i cavoli o gli agrumi o anche gli spinaci. Inoltre sono molto importanti le creme o i gel o comunque i prodotti dietetici a base di frutti di bosco, in particolar modo di mirtillo. Molto utilizzata è anche l’escina derivante dall’ippocastano o le creme a base di aloe vera.

Come consigliano gli esperti di Benessere Allweb360, un valido rimedio naturale è Varicofix, un gel che ti aiuterà a risolvere il problema con costanza e volontà.

Non dimenticare di muoverti e di avere uno stile di vita sano

Essendo un problema legato alla circolazione sanguigna, la prima scelta che devi fare per eliminare i capillari è quella di muoverti costantemente durante la tua giornata. Questo disturbo si presenta molto spesso nel mondo delle donne anziane proprio perché sono più facilmente sedentarie.

Prevenire e combattere la rottura dei capillari è possibile anche solo facendo un costante movimento fisico che prevede passeggiate non solo quotidiane ma anche ora dopo ora: bastano una decina di minuti. Non dimenticare poi che questo problema si presenta ed è molto aggravato dai nemici per eccellenza della tua salute, ovvero il fumo e l’alcool: uno stile di vita sano è la scelta migliore che puoi fare per il tuo benessere.

Trovare i capillari rotti non è mai una bella sorpresa, soprattutto perché essi sono molto visibili e durante l’estate possono dare qualche fastidio in più per il disagio nel rimanere in costume.

Grazie però a questi semplici consigli potrai sentirti di nuovo a tuo agio e vedrai che in breve tempo, se sei costante in queste buone abitudini, il tuo fastidioso problema sparirà e potrai sentirti ancora bene senza alcun tipo di disagio fisico.

loading...
loading...
Si parla di:
Categoria:
Scritto da
Scritto il:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *