La forza del freddo… per migliorare la propria salute.

Anni fa visitai il castello di Miraramare in provincia di Trieste residenza estiva degli Asburgo e mi trovai davanti ad un’elegante ma gelida vasca da bagno in zinco. Faceva venire i brividi di freddo solo a guardarla. Ogni mattina in quella vasta l’imperatore Francesco Giuseppe (Franz Joseph) si dedicava ad un bagno con acqua ghiacciata. Perchè sottoporsi ad una tale tortura direte voi? L’imperatore invece si sottoponeva a questo trattamento ogni giorno per migliorare il suo stato di salute e la forma fisica. Potreste pensare che si tratti di antiche tradizioni popolari, ma la forza del freddo non è mai stata tanto attuale, tanto che è appena uscito un libro a riguardo.

la-forza-del-freddo-him-wof-libroWim Hof è un record man di fama internazionale anche conosciuto come “the iceman”, in quanto detentore di 20 record mondiali tra cui spicca quello per la più lunga permanenza in una vasca piena di ghiaccio.

La familiarità con il mondo del ghiaccio e delle bassissime temperatura, ha permesso ad Hof di osservare gli effetti del freddo sul corpo umano. Le sue osservazioni sono diventate un metodo, verificato e confermato dalla facoltà di Medicina dell’Università di Rotterdam.

La forza del freddo secondo quanto osservato da Hof avrebbe benefici sul nostro organismo e sulla nostra salute che nemmeno possiamo immaginare. Solo per citare alcuni di questi benefici:

  1. fare il pieno di energia e di forza
  2. dare nuova forza al sistema immunitario
  3. perdere pese
  4. risolvere i problemi legati all’infiammazione
  5. equilibrare in modo naturale gli ormani
  6. stimolare la produzione di serotonina
  7. migliorare sensibilmente il sonno

Clicca qui per scoprire di più su La forza del freddo di Wim Hof in Esclusiva per il Giardino dei Libri.

Se le osservazioni di Hof dovessero sembrarvi troppo estreme o poco applicabili alla vostra quotidianità, qui sotto vi vogliamo dimostrare come le cure a base di freddo ed acqua a basse temperature siano più diffuse di quanto si possa pensare.

I bambini ed il freddo nei paesi scandinavi

Non è raro fuori dalle case o dai locali scandinavi vedere passeggini lasciati al freddo con dentro dei bambini anche piccoli. La chiamano “nanna sotto zero” ed è una tradizione molto popolare in questi paesi. I bambini ovviamente sono ben coperti e questa pratica diffusa a partire dagli anni ’20 del secolo precedente fa fare ai piccoli dei sonnellini all’aperto a temperature comprese tra i -10° ed i -15°. Questa pratica, impensabile in Italia, invece aiuta a sviluppare un sistema immunitario forte e resistente agli attacchi esterni delle malattie. I bambini che dormono all’aperto dormono di più, si svegliano più vispi grazie alla miglior ossigenazione dell’organismo.

Nanne al freddo per i bambini scandinavi
Nanne al freddo per i bambini scandinavi

Il ghiaccio come trattamento antiage

Un cubetto di ghiaccio passato con rapidi sfioramenti su viso, collo e decolletè è un ottimo rimedio naturale a costo zero per mantenere la pelle elastica e tonica, prevenendone la tipica lassità che irrimediabilmente subentra con il passare degli anni.

Il freddo per combattere la cellulite e problemi di circolazione

Gli estetisti e chi opera nei centri benessere consiglia di terminare la doccia con dei getti di acqua ghiacciata sulle gambe e sui glutei. Questa procedure è alla base dell’idroterapia ed aiuta a sconfiggere la cellulite, i problemi di circolazione e l’effetto gambe pesanti.

L’acqua fredda per cominciare bene la giornata secondo la tradizione ayurvedica.

Secondo la tradizione ayurvedica invece la giornata comincia nel migliore dei modi, lavando la faccia versando 7 volte acqua fredda sul viso. Il 7 è un numero di buon auspicio e non a caso è lo stesso numero dei chakra.

loading...
loading...
Categoria:
Scritto da
Scritto il:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *