Sole e solari: tutte le informazioni per una corretta esposizione al sole

esposizione al sole

E’ finalmente arrivata la primavera e le più impavide di voi tra circa un mese e mezzo già si avventureranno sulle spiagge per avvantaggiarsi sulle amiche rispetto all’abbronzatura. Sole vuole dire un colorito dorato ma vuol dire anche danni alla pelle se non sappiamo come esporvici. Per evitare danni alla pelle e raggiungere la tanto agognata abbronzatura, dobbiamo conoscere le regole fondamentali ed ovviamente avere il nostro kit di prodotti solari.

Vediamo quindi la “teoria”. Non tutti i raggi del sole sono responsabili dell’abbronzatura, ma solo una parte di essi: gli ultra violetti (UV) che penetrano nella pelle fino al derma; mentre i raggi della luce visibile (quelli che ci fanno vedere colorato) e quelli infrarossi, non patogeni, raggiungono lo strato cutaneo più profondo. I Raggi ultravioletti che a loro si suddividono in UV-A, UV-B e UV-C, sono non solo responsabili della tintarella ma anche della vitamina D (la cui carenza è a causa della deminaralizzazione) e svolgono una azione disinfettante sulle pelli acneiche. Ovviamente c’è anche il rovescio della medaglia: questi raggi infatti possono produrre eritemi (scottature di diverso grado), indurire la pelle rendendola precocemente vecchia, far sviluppare peluria e di contribuire alla produzione di neoplasie.

Caratteristiche dei diversi raggi: UV-A danno alla pelle una pigmentazione immediata ma a lungo termine danneggiano irreversibilmente la struttura del collagene e dell’elastina del derma, col risultato di invecchiare precocemente la pelle. UV-B sono responsabili della pigmentazione ritardata, ma più stabile e degli eritemi. UV-C sono raggi che non dovrebbero arrivare fino a noi in quanto lo strato di ozono li rifrange. Purtroppo con la riduzione di quest’ultimo si sono moltiplicati i casi di tumori alla pelle.

Durante l’estate vi consiglio di procuravi almeno 4 prodotti solari. Il primo deve essere una crema con filtro solare con protezione medio-alta con cui proteggervi durante i primi giorni di esposizione al sole. Non è scottandovi che farete vedere alle amiche che siete andate in spiaggia. Una protezione SPF 30 potrebbe andare bene. Il secondo prodotto sarà una crema da mettere quando ormai la nostra pelle si è già colorita ed è allora che il fattore di protezione potrà scendere al di sotto dei 30. Procuriamoci uno stick labbra con protezione 50, perchè le labbra ed il contorno labbra sono zone altamente delicate, non solo non vanno dimenticate ma vanno protette più delle altre. Infine procuratevi un buon balsamo dopo sole che sia lenitivo per la pelle arrossata a fine giornata, che brucia e che da quella fastidiose sensazione di pelle che tira. Se non volete comprare anche questo prodotto allora potete sempre aggiungere una noce di gel di aloe bio a quella che la vostra solita lozione corpo.

Discorso a parte per chi ha uno o più tatuaggi. I disegni sul corpo, per evitare che sbiadiscano e che perdano la loro bellezza, sarebbe opportuno venissero protetti con una protezione SPF 50 o con gli appositi stick pensati per i tatuaggi.

loading...
loading...
Categoria:
Scritto da
Scritto il:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *